Prestiti tra Privati



Il sistema finanziario si basa sulla disponibilità di capitale offerto dai risparmiatori. Chi dispone di risparmi, può infatti deciderli di depositarli presso una banca, al fine di ricevere degli interessi ed accrescerne così il valore nel medio o lungo termine.

prestiti-tra-privati

Questa liquidità non verrà però “congelata” dall’istituto di credito, ma verrà utilizzata per altre operazioni finanziarie: la banca potrà usare il denaro per finanziarie progetti, erogandolo a diverse tipologie di contraenti, come imprese o privati. Questo sistema consente al capitale di circolare, bilanciando le esigenze dei risparmiatori e degli investitori.

Tuttavia, quando ci si rivolge ad una banca, sia per depositare denaro, sia per richiedere un prestito, questi due elementi non hanno la possibilità di entrare direttamente in contatto, in quanto l’intera procedura è mediata dall’istituto finanziario. Con il sistema del prestito tra privati, altresì denominato “social lending” o “peer-to-peer lending”, debitore e creditore possono interagire, grazie a delle piattaforme appositamente create per facilitare questo processo.

I siti internet di prestiti tra privati mettono in contatto l’offerta e la domanda di denaro, creando un sistema che intende essere meno arbitrario rispetto a quello bancario. I requisiti imposti dagli istituti di credito tradizionali tendono infatti a diventare sempre più restrittivi, un fattore che, unito alla scarsa trasparenza delle operazioni e tassi d’interesse poco convenienti, scoraggia molti potenziali richiedenti.



Le società di social lending propongono un sistema più immediato, generalmente provvisto di tassi più competitivi, sia per chi presta che per chi riceve liquidità. Chi mette a disposizione del denaro viene inoltre informato circa la destinazione dello stesso: alcune società, ad esempio, possono dividere la somma investita in numerose piccole unità, che vengono successivamente distribuite a diversi richiedenti.

Si tratta di un efficace metodo a protezione del capitale investito, poiché, in caso di insolvenza da parte del contraente, chi ha depositato la somme non viene penalizzato particolarmente. Inoltre, chi investe ha la possibilità di selezionare la gamma dei richiedenti, accettando diversi gradi di rischio, ognuno dei quali viene associato a diversi livelli di profitto.

I vantaggi di questi sistema non si limitano solo a chi investe, ma si estendono anche ai richiedenti. Questi infatti potranno beneficiare di condizioni meno restrittive per quanto riguarda l’accesso al credito, con interessi di solito inferiori rispetto a quelli imposti dalle banche. In più, le società di social lending sono spesso dotate di siti internet molto funzionali, che offrono la possibilità di calcolare i costi del prestito in pochi istanti, immettendo i dati del finanziamento che si intende richiedere.

In alcuni casi, sarà inoltre possibile effettuare la richiesta e l’intera procedura online: si potranno così scansionare i documenti necessari inviarli via mail, per poi attendere il risultato dell’istruttoria della pratica e finalizzare il contratto con la funzione della firma digitale. Generalmente, le somme erogate con il sistema del prestito tra privati non sono ingenti (per chi intende richiedere un mutuo, si consiglia di rivolgersi alle classiche banche); tuttavia, queste realtà costituiscono una valida alternativa per chi ha bisogno di importi di piccola o media entità a condizioni favorevoli.

Tra le soluzioni valide per poter richiedere un finanziamento di questo genere, oltre alle soluzioni già indicate vogliamo ricordare i prestiti cambializzati tra privati.